Ultimi post
Powered by Blogger.

Paulo Mendes Campos


Paulo Mendes Campo nacque il 28 febbraio del 1922 a Belo Horizonte, in Minas Gerais; era figlio del medico e scrittore Mario Mendes Campos e di Maria José de Lima Campos. I primi studi di Paulo furono nella capitale mineira, in seguito si trasferì a Cachoeira do Campo (dove il padre, professore di portoghese, gli disse:"Anche tu sarai scrittore") e concluse a São João del Rei.

L'artista si iscrisse al corso di laurea in Odontoiatria, poi passò a Veterinaria e, infine, a Giurisprudenza, ma non riuscì a laurearsi; anche il sogno di essere pilota d'aereo non si concretizzò. L'unico traguardo raggiunto da Paulo Mendes fu un diploma in dattilografia. 

La grandezza dell'autore, tuttavia, fu subito notata  nel mondo delle arti letterarie: ancora giovane, entrò a far parte della generazione mineira, gruppo costituito da grandi nomi, come: Fernando Sabino, Otto Lara Resende, Hélio Pellegrino, João Ettiene Filho e Murilo Rubião.
A Belo Horizonte, inoltre, diresse la redazione del supplemento letterario pubblicato dal giornale a Folha di Minas Gerais e lavorò presso l'impresa di costruzione di uno zio. 
Nel 1945, si recò a Rio de Janeiro per conoscere il poeta Pablo Neruda. Nella capitale carioca incontrò i suoi vecchi amici della generazione mineira ed iniziò a collaborare con i giornali: O Jornal, Correio da Manhã e Diário Carioca. Presso quest'ultima testata, Paulo firmava la Semana Literaria e la sezione Primeiro Plano
Lo scrittore, ancora, riuscì a diventare uno dei tre cronisti effettivi della rivista Manchete.
Nel 1947, entrò nell'IPASE; iniziò come fiscal de obras e, dopo poco, divenne direttore della Divisão de Obras Raras da Biblioteca Nacional di Rio de Janeiro.
Nel 1951, lanciò il suo primo libro, A Palavra Escrita. Lo stesso anno, si sposò con Joan, ragazza di famiglia inglese, ed ebbe due figli: Gabriela e Daniel. Passò a lavorare come reporter e redattore di testi pubblicitari, dedicandosi anche alle traduzioni. 
Paulo divenne un abile traduttore di poesie inglesi e francesi, lavorò con le opere di: Júlio Verne, Oscar Wilde, John Ruskin, Shakespeare; la sua abilità fu arricchita dalle esperienze di viaggio in Europa ed Asia. 
Nel 1962, assistito da un medico, Mendes Campos sperimentò gli acidi. Pubblicò diversi articoli sulla rivista Manchete per raccontare la sua esperienza, i testi furono successivamente raccolti nei libri O Colunista do Morro e Trinca de Copas. Lo scrittore affermò che la droga aprì "chiuse" e che si lasciò trasportare dal "getto caotico dell'incosciente fino a sentire il peso e la nitidezza delle parole che produssero un miracolo di voci" " La comparazione non è opportuna - continuava - ma per un momento ero una specie di San Francesco d'Assisi che parlava con il lupo".
Paulo Mendes Campos ci ha lasciato il 1 luglio del 1991, a soli 69 anni. La città di Rio de Janeiro ha voluto ricordarlo dando il suo nome ad una piazza del quartiere Leblon.

Bibliografia:
  • A Palavra Escrita, poesia, Ed. Hipocampo - Rio de Janeiro, 1951
  • Forma e Expressão do Soneto, antologia, 1952
  • Testamento do Brasil, poesia, 1956
  • O Domingo Azul do Mar, poemas, Ed. Civilização Brasileira, Rio de Janeiro, 1958
  • Páginas de Humor e Humorismo, antologia, ampliada e reeditada em 1965 sob o título Antologia Brasileira de Humorismo.
  • O Cego de Ipanema, crônicas, Ed. do Autor - Rio de Janeiro, 1960
  • Homenzinho na Ventania, crônicas, Ed.do Autor - Rio de Janeiro, 1962
  • O Colunista do Morro, crônicas, Ed. do Autor - Rio de Janeiro, 1965
  • Testamento do Brasil e Domingo Azul do Mar (poemas - edição conjunta), Ed. do Autor - Rio de Janeiro, 1966
  • Hora do Recreio, crônicas, Editora Sabiá- Rio de Janeiro, 1967
  • O Anjo Bêbado, crônicas, Ed. Sabiá - Rio de Janeiro, 1969
  • Trinca de Copas, 1984
  • Rir é o Único Jeito (Supermercado), Ed. Ediouro - Rio de Janeiro. (Reedição de Hora do Recreio, com novo título - livro de bolso).
  • O Amor Acaba - Crônicas Líricas e Existenciais - Ed. Civilização Brasileira, Rio de Janeiro, 1999.
  • Cisne de Feltro - Crônicas Autobiográficas - Ed. Civilização Brasileira, Rio de Janeiro, 2000.
  • Alhos e Bugalhos - Ed. Civilização Brasileira, Rio de Janeiro, 2000.
  • Brasil brasileiro — Crônicas do país, das cidades e do povo - Ed. Civilização Brasileira, Rio de Janeiro, 2000.
  • Murais de Vinícius e outros perfis - Ed. Civilização Brasileira, Rio de Janeiro, 2000.
  • O gol é necessário — Crônicas esportivas - Ed. Civilização Brasileira, Rio de Janeiro, 2000.
  • Artigo indefinido - Ed. Civilização Brasileira, Rio de Janeiro, 2000.
  • De um caderno cinzento — Apanhadas no chão - Ed. Civilização Brasileira, Rio de Janeiro, 2000.
  • Balé do pato e outras crônicas - Editora Ática - S. Paulo, 2003.
  • A volta ao mundo em 80 dias - Tradução e adaptação do livro de Julio Verne, Ediouro, 2004.
  • Quatro histórias de ladrão - Editora Agir, Rio de Janeiro, 2005.
Fonti:
  • projeto releituras
  • wikipedia
  • infoescola

Item Reviewed: Paulo Mendes Campos Rating: 5 Reviewed By: Gianluigi D'Agostino