Ultimi post
Powered by Blogger.

Caetano Veloso in Italia #2: l’esperienza dell’amico Luca Manganelli

Le tappe italiane di Caetano Veloso hanno rappresentato un vero turbine di emozioni per tutti coloro che hanno avuto la possibilità di parteciparvi. Cultura Brasil ha fatto parlare gli spettatori, lasciando di lato, così, le asettiche descrizioni di critica ed esperti. Dopo le testimonianze delle cinque lettrici Evelyn, Rosa, Celia, Fabiana e Elisa (disponibili cliccando qui), il caro amico lettore Luca Manganelli ha parlato della propria esperienza:

 

999326_468036379950241_709625383_n

Luca Manganelli

Appartenendo alla setta dei seguaci del Cae di Santo Amaro per i quali tutto quello che egli fa musicalmente è quasi tutto ottimo a prescindere, faccio fatica a essere obbiettivo nel commentare un suo show  ma ci proverò.Personalmente credo che ciò che faccia Caetano ,nel bene o nel male per la sua varietà e originalita', sia sempre interessante e  mai banale.Quale dei mille Caetani questa volta uscirà dal cilindro? Entro al pala linear con la camisa do Bahea in onore dei miei amici di Salvador e di Caetano e subito bonariamente vengo redarguito da un torcedor do Vitoria  che mi intima "de levar me aquela camisa" ma io non posso obbedire a uno che tifa Vicetoria  nome dato per la loro propensione a essere vice in qualsiasi campionato dietro ao Bahea. Subito  dall'incipit della bossa nova è foda si percepisce  che Caetano e la banda Cè sono in ottima forma ma sopratutto si vede che la compartecipazione corpo e anima tra la band e Caetano sia totale.Dopo i primi 3 o 4 pezzi che confermano la crescita della banda Cè da quando li vidi nella tournè Ce'......tudo mega bom giga bom terabom siamo in pieno Parabens e dopo la toccante um comunista dedicata a carlos marighella ecco si avvicina si avvicina la poesia di Gregorio de Matos o boca do inferno forse  la mia canzone preferita di Caetano Triste Bahia.....Triste Bahia, oh, quão dessemelhante…

Estás e estou do nosso antigo estado
Pobre te vejo a ti, tu a mim empenhado
Rico te vejo eu, já tu a mim abundante
Triste Bahia, oh, quão dessemelhante

6 minuti del passato e del futuro di bahia? del mondo? in un turbine di ritmi dal reconcavo alla baia de todos santos dall'afoxe all'infinito...........si continua tra vecchi (leaozinho) e nuovi quadri quadri di caetano il grande mix escapolario e funk melodico con quella chitarra acida che non vorrebbe mai finire......dal cilindro magico poi spunta un rifacimento magistrale,spogliarello incluso,della erasmiana di noite na cama  e che dire di reconvexo scritto per Bethania un puzzle di baianidade ricordi d'infanzia posti e personaggi sempre presenti nella produzione di caetano  Eu sou a chuva que lança a areia do Saara Sobre os automóveis de Roma Eu sou a sereia que dança, a destemida Iara..........la magia continua con voce nao intende nada dove c'è l'affettuoso rimando del ritornello tra caetano e il suo pubblico Eu quero que você venha comigo.............vorremmo che lo show andasse all'infinito ma se ci deve essere una fine cosa c'è di meglio della  luz de tieta cantata da tutto il pubblico che si avvicinato sotto il palco  come fosse ad uno show dei timbalada......che gli orixas proteggano caetano e i suoi allegri e divertiti seguaci........atè Caetano!

Item Reviewed: Caetano Veloso in Italia #2: l’esperienza dell’amico Luca Manganelli Rating: 5 Reviewed By: Gianluigi D'Agostino