Ultimi post
Powered by Blogger.

Oeiras do Parà – Parà

Oeiras do Parà - Parà

Oeiras do Parà è un municipio brasiliano di circa 30 mila abitanti situato nello stato del Parà. Le attività economiche principali della città sono la pesca, l’agricoltura di sussistenza (soprattutto la coltivazione della manioca dalla cui radice si ricava la famosa farina) e la raccolta dei prodotti offerti dalla vegetazione locale (legna, açai, ecc.).


dg_imagem_00014768


Storia

Gli storici Palma Muniz e Theodoro Braga affermano che l’area che costituisce attualmente il municipio nacque nel 1653, quando i gesuiti, sul Rio Araticu, fondarono una delle maggiori aldeias indios. L’importanza del piccolo centro era dovuta alla sua florida produzione agricola, unita alle comode vie di comunicazione con Belém. Nel 1758, il governatore Francisco Xavier de Mendonça, oltre a rispettare l’ordine del Marques de Pombal che prevedeva l’espulsione dei gesuiti, si recò sul Rio Negro anche per eseguire il decreto reale circa la revisione dei confini tra i regni del Portogallo e della Spagna. Francisco Xavier fu anche delegato, con una determinazione del 6 giugno 1755, di elevare a Vilas tutte le aldeias più importanti. Tra i centri che beneficiarono di tale riconoscimento figurava Oeiras, chiamata così per rispettare la volontà reale di sostituire i nomi indigeni con quelli portoghesi. Secondo gli scritti dei due storici, prima del nome ufficiale, Oieras si chiamava Araticu, una parola di origine Nheengatu che significava “lingua di pappagallo”. Nel XIX secolo, il municipio registrò il trasferimento della sua sede alla fregueisa Sao Joao Batista de Curralinho, come risultato dell’elevazione di quest’ultima a vila. Tre anni più tardi, il 23 ottobre del 1868, con Lei n°584, Oeiras venne nuovamente riconosciuto come vila, ma il 3 novembre del 1922, venne declassato ulteriormente e venne riaccorpato a Curralinho. Il 30 dicembre del 1943 con Decreto-Lei n.° 4’505, Oieras venne chiamato Araticu, ma solo per un breve periodo di tempo, visto che venne ripristinato il vecchio nome accompagnato dalla locuzione “do Parà”. Nel 1955, il municipio soffrì uno smembramento finalizzato alla creazione di Bagre. Nonostante la dichiarazione di incostituzionalità del provvedimento, tale atto, rientrante nell’ipotesi di revisione politico-amministrativa dello Estado, rimase valido.

Turismo

Reserva Extretivista Arioca Pruanà - Oeiras do Parà, Parà

Reserva Extretivista Arioca Pruanà – un’area federale destinata alla preservazione creata con un Decreto Presidencial emesso il 16 novembre del 2005. Il territorio comprende 83’445 ettari di foresta ed è amministrato dall’Instituto Chico Mendes de Conservação da Biodiversidade (ICMBio).


Artigianato – Oeiras do Parà conta una discreta produzione artigianale, caratterizzata da oggetti di uso comune e importantissima per comprendere come i materiali naturali reperiti in loco (argilla, legno, foglie di palma, ecc.) costituiscano una grande risorsa per i residenti


Folclore

  • Cirio da Nossa Senhora da Assunçao – la maggiore festa religiosa di Oeiras in omaggio alla Nossa Senhora da Assunçao, protettrice del municipio;
  • Samba-do-cacete e boi-bumba – due eventi molto espressivi della cultura popolare, dove è possibile ammirare l’esibizione di gruppi locali;
  • Festa do Camarao – festa dedicata ai gamberi che avviene i primi giorni di luglio. E’ possibile degustare piatti tipici locali;
  • Torneio de Ferias – ritenuta la maggior festa civile del municipio, avviene dal 1 al 31 luglio.

Fonti:

  1. IBGE (10 out. 2002). Área territorial oficial Resolução da Presidência do IBGE de n° 5 (R.PR-5/02).
  2. Censo Populacional 2010 Censo Populacional 2010 Instituto Brasileiro de Geografia e Estatística (IBGE) (29 de novembro de 2010).
  3. Governo do Estado do Parà. Secretaria de Estado de Planejamento, Orçamento e finanças. Instituto de Desenvolvimento Economico, Social e Ambiental do Parà. Estatistica Municipal: http://iah.iec.pa.gov.br/iah/fulltext/georeferenciamento/oeirasdopara.pdf

Item Reviewed: Oeiras do Parà – Parà Rating: 5 Reviewed By: Gianluigi D'Agostino