Ultimi post
Powered by Blogger.

Odete Lara - biografia

odete_2_050215

Odete Lara, un solo nome che raggruppava tante qualità: artista poliedrica, Odete era cantante, attrice, sceneggiatrice e, soprattutto, musa del cinema brasiliano.
Lara era nata in una periferia di San Paolo il 17 aprile del 1929 e la sua vita fu marcata da profonde sofferenze: quando aveva solo sei anni, sua madre si suicidò. La giovanissima, allora, venne rinchiusa in un orfanotrofio, ne soffrì i drammi ma, grazie ad un lavoro come segretaria e dattilografa, riuscì a guadagnare un poco di emancipazione.
Odete era stupenda, capelli biondo oro, occhi verdi, un corpo mozzafiato e uno sguardo molto comunicativo, capace di sedurre, folgorare in un istante. Di tutto ciò ne era cosciente l’amica che la convinse a
partecipare ad un corso per modelle tenuto nel Museu de Arte Moderna de São Paulo.
Troppo bella per non essere selezionata per una sfilata di moda, precisamente la prima in assoluto in Brasile. Oro tra i capelli e smeraldi negli occhi, la sua rete di seduzione pescò Otomar dos Santos il quale non ci pensò due volte di proporla alla giovane TV Tupi. Odete iniziò ad apparire sul piccolo schermo nelle pubblicità, ma, dopo aver acquisito un po' d’esperienza,
partecipò alla versione televisiva di Luz de Gas con Tonia Carrero e Paulo Autran e, nel 1952, a Bianca Neve e i Sette Nani dove interpretò la regina cattiva.
Tra il 1953 e il 1954, la giovane attrice acquisì altra fama grazie al Programa de Vanguarda,  si trattava di un programma settimanale dove erano inscenati i grandi classici della letteratura brasiliana e mondiale.
La Tv Excelsior la contattò per farle interpretare Carlota in Em Busca da Felicidade, a partire da quell’ingaggio, l’attrice diventò una stellina delle telenovelas. Di ritorno alla Tupi, vestì i panni di Flora in As Bruxas (1970) e, tre anni dopo, fu Helena de A Volta de Beto Rockfeller.

A Volta de Beto Rockfeller

Solo dopo aver compiuto i 63 anni, Lara arrivò alla Globo, interpretando Ester de O Dono do Mundo. L’invito a far parte del cast arrivò da Gilberto Braga  stesso, il quale aveva già contattato l’attrice per Odete Roitman di Vale Tudo, ruolo da lei rifiutato.
L’ultima telenovela alla quale l’artista partecipò fu Patria Minha del 1994.

Odete Lara in Patria Minha


Cinema

La bellezza di Odete Lara, accostata alla sua bravura, non poteva restare estranea al grande schermo: la sua prima apparizione avvenne nel 1956, a lato di Mazzaropi in O Gato de Madame, su invito dell’autore Abilio Pereira de Almeida.
Subito dopo si dedicò a Bossa Nova, dove interpretò Vera Cruz e fece parte del cast di Noite Vazia di Walter Hugo Khouri, due episodi che le aprirono le porte del Cinema Novo.

Odete Lara in una scena di Noite Vazia

Le sue prese di posizioni contro il regime dittatoriale, inoltre, dimostrarono come Odete fosse la donna giusta al momento giusto, una professionista moderna, pronta a sfilare nei cortei contro i militari, ad infiammarsi nelle pubbliche riunioni e ad emozionarsi dinanzi allo spettacolo del Grupo Opiniao. Chi conosceva l’attrice, conosceva bene anche la sua versatilità e il grande contributo che diede al cinema brasiliano: quello di sganciarsi delle solite commedie e parodie americane. L’artista, infatti, accompagnata da: Bengell, Helena Ignez, Anecy Rocha, Dina Sfat e Glauce Rocha si fece portavoce di un’alternativa volta a costruire un’identità cinematografica brasiliana. Il famoso regista Luiz Carlos Barreto, non a caso, riferendosi a Lara, affermava: “Odete sta al cinema come Fernanda Montenegro al teatro”.

Odete Lara in prima fila contro la dittatura

Gli aspetti intrisi di modernità che costruivano la personalità della grande attrice si incastravano perfettamente con il Cinema Novo. Glauber Rocha, cosciente di tutto ciò, con le sue pellicole sperimentali Cancer e O Dragao da Maldade contra o Santo Guerreiro (1968), la trasformò nella musa della nuova corrente artistica cinematografica.
Cacà Diegues la contattò per il suo Os Hereiros (1970), un’allegoria della politica vista come tragedia in piena dittatura.
Lara recitò anche in Copacabana me Engana (1969), in A Rainha Diaba (1974) – entrambi di Antonio Carlos da Fontoura – e in Lúcia McCartney – uma Garota de Programa (1971), con David Neves, basato su un’opera di
Rubem Fonseca.
La giovane e bella attrice si tramutò nello stereotipo di donna emancipata, dotata di particolare bellezza e intelligenza, in altre parole personificò la forma paradigmatica della moderna donna brasiliana.

Odete Lara in una scena de O Dragao da Maldade contra o Santo Guerreiro

Giunta all’apice del successo, Lara entrò in una fase di vita molto difficile: droga, amori finiti male e depressione, pian paino, l’allontanarono dalla vita pubblica, le sue ultime apparizioni furono: A Estrela Sobe (1974), O Princípio do Prazer (1978), Um Filme 100% Brasileiro (1982-85), Vai Trabalhar Vagabundo 2 – a Volta (1991).


Musica

Odete, oltre ad essere una bravissima attrice, aveva anche un timbro delicato e sensuale. L’orecchio di Vinicius de Moraes, sempre attento alle novità, non le fu indifferente, allora, il poetinha la invitò a partecipare, nel 1963, allo spettacolo Skindô che, registrato dal vivo, diede origine all’LP Vinicius e Odette Lara. La donna, nel disco, prestò la propria voce ai sambas-cançao: Só por Amor, Seja feliz, Hoje só, Deve Ser Amor e Além do Amor, tutti firmati da Vinícius de Moraes e Baden Powell.

Vinicius de Moraes e Odete Lara

Un anno dopo, Lara partecipò, sempre a lato di Vinicius, all’LP Rio Capítal da Bossa Nova dell’etichetta Elenco, dove cantò il samba Mulher Carioca. Sempre nel 1964, Odette si esibì, con Chico Buarque, allo show Meu Refrao, ospitato nel Teatro Paramount di San Paolo.
Due anni più tardi, lanciò, sempre per la Elenco, il disco Contrastes, il repertorio conteneva i sambas: Tem Mais Samba e Meu Refrao di Chico Buarque; Apelo e Canção do Amor, di Baden Powell e Vinícius de Moraes; Canção em Modo Menor di Tom Jobim e Vinícius de Moraes; Minha Desventura di Carlos Lyra e Vinícius de Moraes; Sem mais Adeus di Francis Hime e Vinícius de Moraes; Pra Você que Chora di Edu Lobo e Giangranceso Guarnieri; Funeral de um Lavrador di Chico Buarque e
João Cabral de Melo Neto e Morrer de Amor di Oscar Castro Neves e Luvercy Fiorini.
Nel 1967, la sua interpretazione di Funeral de um Lavrador venne inserita nella raccolta Grande Parada Elenco – Vol. 1 lanciata della etichetta Elenco. Lo stesso anno, Odete partecipò alla raccolta Vinícius de Moraes - Máximo da Bossa, interpretando Labareda e Samba em Prelúdio, entrambi della coppia Vinicius de Moraes/Baden Powell.
Nel 1970, l’attrice registrò,
per la serie História da Música Popular Brasileira - Vol. 4 - Chico Buarque, il samba Noite dos Mascarados, cantando in duetto con Chico stesso.
Quattro anni dopo, le sue interpretazioni di Samba em Preludio e Labareda incluse nella raccolta Série Autógrafos de Sucesso - Vinícius de Moraes, lanciato dalla Fontana/Philips.
Nel 1976, sempre per la Fontana/Philips lanciò l’album doppio A Arte de Vinicius de Moraes che includeva anche Samba em Preludio.
Pochi mesi più tardi, la Philips incise l’LP Assim Era Atlantida, una raccolta di registrazioni audio tratte da film prodotti dall’Atlantida Cinematografica, nel repertorio era stato incluso il samba-cançao Franqueza (Denin Brean e Osvaldo Guilherme) interpretato da Odete.
Nel 1981, So por Amor con voce di Lara fece parte di A Mulher o Amor, o Sorriso e a Flor, un cofanetto di quattro LP lanciato dalla PolyGram in omaggio all’opera di Vinicius de Moraes.


Ritiro a vita privata e ultimi anni di vita

Appena raggiunto l’auge della propria carriera, Odette prese una decisione che lasciò il mondo dello spettacolo disorientato: il ritiro alla vita privata, acquistando una casa in campagna in Nova Friburgo e abbracciando il buddismo. L’attrice, dunque, visse un periodo di meditazione e di analisi introspettiva che raccontò in tre libri: Eu Nua, Minha Jornada Interior e Meus Passos na Busca da Paz.

livro-minha-jornada-interior-odete-lara-cinemateatro-14224-MLB3001631752_082012-F  meus-passos-em-busca-de-paz-odete-lara-frete-gratis-7314-MLB5207821532_102013-F

Molti amici le fecero visita e tutti affermarono che la “nuova Odete” era una persona più matura, serena, semplice e sicura di se stessa. Più tardi, Lara decise di di trasferirsi nel quartiere Flamengo, accompagnata da una donna che le prestava assistenza. Antonio Carlos Fontoura, suo ex marito, in compagnia della moglie, convinsero l’attrice a ricoverarsi presso un istituto idoneo ma, nonostante le cure, Odete si spense il 4 febbraio del 2015, a 85 anni d’età, lasciando il Brasile orfano di una grande icona alla perenne ricerca della felicità. Il 5 febbraio, la donna fu sepolta nel Cimitero Luterano di Nova Friburgo, ricongiungendosi eternamente con la pace che tanto le donò quel posto.

Il documentario
Nel 2002, l’attrice e regista Ana Maria Magalhaes lanciò Lara, un documentario sulla vita della diva, con la partecipazione di Christiane Fernandes, Caco Ciocler e Tuca Andrada. Il lungometraggio, molto interessante, spiegava come una stupenda e umile ragazza della periferia di San Paolo fosse diventata una musa del cinema brasiliano. La sua figura, nel documentario, era perfettamente contestualizzata nel movimento Cinema Novo, ossia un periodo di grandi cambiamenti.

Carriera

Cinema
  • 1956 - O Gato de Madame
  • 1957 - Absolutamente Certo ... Odete
  • 1957 - Arara Vermelha
  • 1958 - Uma Certa Lucrécia
  • 1959 - Dona Xepa
  • 1959 - Moral em concordata
  • 1960 - Sábado a la noche, cine (film argentino)
  • 1960 - Dona Violante Miranda
  • 1960 - Duas Histórias
  • 1960 - Na Garganta do Diabo
  • 1961 - Esse Rio que Eu Amo
  • 1961 - Mulheres e Milhões ... participação especial
  • 1962 - Boca de Ouro
  • 1962 - Sete Evas
  • 1963 - Bonitinha, mas Ordinária
  • 1963 - Sonhando com Milhões
  • 1964 - Noite Vazia
  • 1964 - Pão de Açúcar
  • 1965 - Mar Corrente
  • 1967 - As Sete Faces de Um Cafajeste
  • 1968 - Câncer em Família
  • 1969 - Copacabana Me Engana
  • 1969 - O Dragão da Maldade contra o Santo Guerreiro
  • 1970 - Em Família
  • 1970 - Os Herdeiros
  • 1970 - Vida e Glória de Um Canalha
  • 1971 - Aventuras com Tio Maneco
  • 1971 - Lúcia McCartney, uma Garota de Programa
  • 1971 - O Jogo da Vida e da Morte
  • 1971 - Viver de Morrer
  • 1972 - Quando o Carnaval Chegar
  • 1972 - Câncer
  • 1973 - Primeiros Momentos
  • 1973 - Vai Trabalhar Vagabundo
  • 1974 - A Estrela Sobe
  • 1974 - A Rainha Diaba
  • 1975 - Assim Era a Atlântida
  • 1978 - O Princípio do Prazer
  • 1986 - Um Filme 100% Brasileiro
  • 2001 - Barra 68 - Sem Perder a Ternura
Televisione
  • 1965 - Em Busca da Felicidade - Carlota (TV Excelsior)
  • 1970 - As Bruxas - Flora (TV Tupi)
  • 1973 - A Volta de Beto Rockfeller - Helena (TV Tupi)
  • 1991 - O Dono do Mundo - Ester Veronese
  • 1994 - Pátria Minha - Valquíria Mayrink

Fonti

  1. Odete Lara - atriz de cinema: biografia
  2. Morre Odete Lara aos 85 anos O Globo.
  3. Odete Lara Instituto Cultural Cravo Albin Dicionário Cravo Albin da Música Popular Brasileira. Visitado em 5 de fevereiro de 2015.
  4. Há 32 anos sem atuar, Odete Lara ganha mostra com 16 filmes Guia Folha.com
  5. Corpo da atriz Odete Lara será cremado nesta quinta em Friburgo  Globo.com G1 (05 de fevereiro de 2015).
  6. Cinemateca Brasileira O Gato de Madame
  7. Cinemateca Brasileira Absolutamente Certo 
  8. Cinemateca Brasileira Mulheres e Milhões
  9. Aurora de Cinema Blog:http://auroradecinema.com.br/tag/adeus-a-odete-lara-acesse-o-blogauroradecinema/

Item Reviewed: Odete Lara - biografia Rating: 5 Reviewed By: Gianluigi D'Agostino