Ultimi post
Powered by Blogger.

Con Porta-Voz da Alegria Diogo ritorna al samba e ai temi romantici

DiogoNogueira-porta-voz-da-alegria-564x564

Diogo Nogueira, figlio del grande sambista Joao, ritorna sul mercato fonografico con un nuovo lavoro.
Il giovane compositore, depositario dei caratteri dominanti artistici della propria famiglia, ha collezionato, in soli 8 anni, una serie di importanti soddisfazioni personali: oltre al Grammy Latino di Miglior Album di Samba per To Fazendo a Minha Parte, Diogo ha raggiunto il record di circa un milione di copie vendute tra CD e DVD e una media di 120 shows per anno, con tournee in Brasile e all’estero. L’artista, ancora, si muove con dimestichezza anche nell’ambiente televisivo, testimonianza ne è il programma Samba na Gamboa (6 anni di brillante attività). Nogueira, inoltre, salirà sui palcoscenici per portare avanti il suo progetto Sambra, un musical che verrà ospitato da tutte le capitali brasiliane.
Porta-Voz da Alegria, la nuova sfida per il giovane Nogueira, si riallaccia al disco Mais Amor, un CD prodotto da Leandro Sapucahy e dal contenuto prettamente romantico. I fan di Bossa Negra, ultimo lavoro di Diogo con Hamilton de Holanda, forse rimarranno delusi dal nuovo progetto, ma non si può escludere la validità di Porta-Voz,  il cui successo, dopo 5 giorni di vita, è già grande. 
Basti pensare al primo pezzo del disco, Tenta a Sorte (André Renato/Picolé) che,  lanciato circa due settimane fa su Youtube, è già in vetta a tutte le classifiche musicali. La canzone, un pagode romantico, è stata molto apprezzata anche dalle nuove generazioni.


Tenta a Sorte è stata anche la prima composizione con un video, dove Diogo appare cuoco, motociclista e mentre pratica il suo sport preferito: il surf.

Dopo il lancio della melodia “portabandiera”, il 9 giugno, è arrivata la grande sfilata, ossia il disco con il contributo delle star: Arlindo Cruz, Almir Guineto, Xande de Pilares, Serginho Meriti, Sombrinha, Toninho Geraes, Paulo Cesar Feital, Pretinho da Serrinha, tra i tanti. Con un team così, era quasi impossibile non registrare un buon successo e anche per questo i produttori Bruno Cardoso e Lelé non hanno esitato a dare la propria disponibilità.
Il progetto si apre con Porta-voz da Alegria (André Renato/Luiz Cláudio Picolé), un samba dal contenuto molto allegro che viene ritenuto il grande marchio del disco. 
La seconda traccia, invece, Alma Bohemia (Toninho Geraes/Paulinho Rezende), molto eseguita nelle rodas di samba carioca, è legata ad una storia suggestiva: Toninho l’avrebbe proposta a Diogo mentre andava di fretta. Il cantante, infatti, venne contattato all’improvviso, mentre si stava allontanando dal campo di calcio di
Chico Buarque per andare all’aeroporto. A causa del ritardo, Diogo non diede molta attenzione all’amico, il quale decise di registrare il lavoro comunque. Nogueira, nell’album, ha proposto la sua versione.
Presente nel disco anche la stupenda Clareou, un
samba firmato da Serginho Meriti e Rodrigo Leite. La composizione ha un testo che esorta a viver bene senza dimenticare l’amore verso Dio, sperare e aspettare perchè prima o poi si dirà: “Clareou!”. Secondo Beth Carvalho, Clareou è la canzone che ogni sambista dovrebbe suonare.
A Gente Se Liga (Serginho Meriti/Claudemir) e A Mil Por Hora (André Renato/Rhuan André/Gabriel Soares /Lucas Oliveira), sono la 5° e la 6° traccia, due inedite,
delle quali la seconda ricorda molto il samba stile Fundo de Quintal, ossia divertente e abbastanza accelerato.
Segue Pra Que Brigar (Adilson Bispo/Zé Roberto) che, ascoltandola, sembra di ritornare indietro nel tempo, quando veniva cantata dalla voce di Royce do Cavaco. Sale alla mente, dunque, il periodo aureo del pagode.
Eu Tenho Duvida (Claudemir, Riquinho/André Renato), invece, è un samba molto romantico dagli arrangiamenti abbastanza sofisticati, la cui inclusione dimostra la maturazione di Diogo come cantante.
Grao de Areia, 9° traccia, un’inedita che porta il testo di Paulo Cesar Feital e che ha rappresentato l’incursione di Jorge Vercilo nel samba, ricorda molto vagamente Clara Nunes per l’impiego di tamburi e agogò e, inoltre, per i richiami a Sao Jorge.
Deixa Eu Ir A Luta, creata da Leandro Lehart, è un samba che propone degli arrangiamenti eseguiti da corde e ottoni, dando alla melodia una personalità più elegante.
Nao To Nessa e Amor Tem Seu Lugar, composte da Fred Camacho e Leandro Fab, hanno un aspetto molto moderno - sia negli arrangiamenti che nei testi – una caratteristica che le avvicina molto al mondo del pop.

Solo due composizioni, tuttavia, portano la firma di Nogueira: Paixao Além do Querer che chiude il disco e Na Boutique, inclusa in un medley, ben nello stile dei dischi di partido alto.
Musas, penultima traccia di Porta-Voz, è un omaggio alle donne firmato da Arlindo Cruz. Un simpatico medley che ricorda le personalità femminili che hanno fatto la storia della musica: Madalena (
Ivan Lins/Ronaldo Monteiro de Souza), Ai Que Saudade de Amelia (Ataulfo Alves/Mário Lago) e Modinha para Gabriela (Dorival Caymmi). La canzone, inoltre, ha subito riscosso il plauso del pubblico femminile per aver condannato il maschilismo.
Sul disco la critica è abbastanza divisa, una parte guarda di buon occhio il ritorno di Diogo al samba, mentre dall’altro lato, Porta-voz da Alegria viene ritenuto un cliché.
A prescindere da tutto, Nogueira ha comunicato che a settembre inizierà la tournee di promozione dell’album che sarà ospitata da 10 paesi.
Il disco è disponibile per l’acquisto su: Amazon e iTunes.

Le tracce del disco:

1. Porta Voz Da Alegria
2. Alma Boêmia
3. Clareou
4. Tenta A Sorte
5. A Gente Se Liga
6. A Mil Por Hora
7. Pra Que Brigar
8. Eu Tenho Dúvida
9. Grão De Areia
10. Deixa Eu Ir À Luta
11. Não Tô Nessa
12. O Amor Tem Seu Lugar
13. Medley: Pra Amenizar Teu Coração / Na Boutique / Pra Ninguém Mais Chorar
14. Musas / Citações: Madalena / Maria Rita / Modinha Para Gabriela / Ai Que Saudades Da Amélia
15. Paixão Além Do Querer

Tratto dall’ottimo lavoro di Pedro Sò pubblicato dalla rivista online Midiorama

Item Reviewed: Con Porta-Voz da Alegria Diogo ritorna al samba e ai temi romantici Rating: 5 Reviewed By: Gianluigi D'Agostino