Ultimi post
Powered by Blogger.

Il concerto di Caetano Veloso in Italia: l’esperienza di Evelyn, Rosa, Fabiana, Celia e Elisa!

Caetano Veloso in Italia, un evento che, come pochi, merita di essere ricordato nel tempo. Cultura Brasil ha voluto raccogliere delle testimonianze firmate da chi ha partecipato ai concerti.
Evelyn, Rosa, Fabiana, Celia e Elisa, tramite testi e foto, hanno documentato l‘emozione di aver visto esibirsi sul palco una delle maggiori star del pianeta.
 

La testimonianza di Evelyn Vieira:

Evelyn Vieira

Sabato sera, 2 maggio, è una serata di pioggia e per niente primaverile fuori da Gran teatro Geox di Padova, eppure il parcheggio è pieno e la gente fa la fila davanti all'entrata.
Caetano Veloso e la sua banca Cè dopo alcuni anni nuovamente in turneè nel nostro paese fanno il tutto esaurito per l'album abraçaço del 2013.
Due passi nel parcheggio, tra le pozzanghere e sotto una ormai finissima pioggia, una fila silenziosa di gente si avvia verso l'ingresso, niente di nuovo, anzi tutto molto tranquillo. Molti brasiliani in attesa di ascoltare un mito di tempi lontani e molti italiani che vogliono ricordare il Tenco d'oltremare.
Si entra verso le platee, il sipario è tirato, la scenografia molto elementare, elegante ed anche un po' austera, come l'arredamento bohemien di una cantina di Parigi, bastata su tele, cavalletti e dipinti ad olio. Giusto il tempo per le maschere di sistemare frettolosamente le ultime persone e, con una puntualità che ormai è dote di pochi artisti, le luci in sala vanno giù e partono le teste mobili illuminando l'ingresso in scena della banda. Caetano Veloso entra in luce, camicia bianca, pantaloni in pelle nera e un look intellettuale, prende posizione di fronte al gelato mettendosi al collo la chitarra bianca. Nella penombra si posiziona la banda Cè, nell'ordine Pedro Sa alle chitarre, Marcello Callado alla batteria, Ricardo Dias Gomes al basso elettrico. Tre ragazzini irriverenti che a malapena in tre fanno gli anni di Veloso.

image
Ne un saluto ne altro, solo un cenno e parte il sound che non ti aspetti. Dal bossa nova, alla musica tropical ci troviamo in pieni anni settanta. Le corde scandiscono ritmi psichedelici e la voce di Veloso si esibisce in una performance tecnicamente impressionante passando da tonalità calde a vocalizzi vezzosi da jazzista consumato. La sala è in fermento, i piedi sotto le sedie rullano e le mani battono senza sosta. Ogni pezzo, sia nuovo che vecchio successo viene arrangiato come ti aspetteresti da Carlos Santana. Caetano Veloso non si è ringiovanito, ha fatto un salto indietro nel tempo ricominciando dai suoi anni dell'esilio londinese del'69 con la consapevolezza di chi ha ormai fatto suo il talento e lo ha sublimato nell'arte. La banda si presenta con un look che ricorda molto i Doors. Pantaloni stretti a Zampa d'elefante, riccioloni inguardabili, occhialoni a goccia e barbe incolte. Il sound è però impressionante, le chitarre ed il basso guidano ritmi sudamericani attraverso sonorità psichedeliche creando un'armonia che entusiasma il pubblico in sala che è comunque sorpreso. Le percussioni rimangono protagoniste in secondo piano celando samba, axè e bossa nova. Non ci sono pause, solo pochi secondi per frasi di cortesia e sorrisi affascinanti. Il concerto va avanti senza pause nonostante i numerosi applausi a scena aperta.
L'energia in sala è piena e vibrante, chi conosce le canzoni canta, chi non le conosce batte le mani e rulla i piedi, chi non ne ha voglia si alza e balla.
In sala pochi nostalgici, delusi, seduti silenziosamente in un angolo rimpiangendo il tempo che non torna più perché Caetano è andato avanti e loro sono rimasti a Piccola Ketty. Comunque non disturbano la gente felice.
D'improvviso saluta ed esce. Pubblico muto in sala. Poi partono i battiti di mani e le grida per farlo rientrare. La star si fa attendere quasi cinque minuti ed al rientro regala un grande sorriso, indossa nuovamente la chitarra e ci dedica una versione d'altri tempi di una nostra canzone ormai ridotta a jingle pubblicitario, “Come prima”. “Come prima, più di prima t'amerò. Per la vita la mia vita ti darò. Sembra un sogno rivederti, accarezzarti, le tue mani fra le mani stringere ancor. Il mio mondo, tutto il mondo sei per me, a nessuno voglio bene come a te. Ogni giorno, ogni istante, dolcemente ti dirò: «Come prima, più di prima t'amerò»”. Parole semplici, troppo semplici per i nostri cuori impietriti, parole belle, troppo belle per passare inosservate ad un artista con un cuore immenso ed una voce meravigliosa. Poi samba, la gente in pista a ballare ed un assedio sotto il palco. Veloce ringraziamento ai ragazzi della banda, giro di inchini, strette di mani allungate, piccolo streep tease e con l'ennesimo splendido sorriso se ne va lasciando la sala piena del ricordo della sua musica.
Un artista immenso, maturo, innovativo e sorprendente. Ormai libero da vizi e lotte politiche ha scelto di dare il meglio di se nella musica e solo in quella.

 

La testimonianza della cantante Rosa Emilia:



Rosa Emilia

A minha experiência de assistir ao Caetano foi incrível.
Primeiro porque fui convidada pela produção e assim depois do lindo show fui até o camarim do Teatro Geox de Padova dar aquele beijo no Caetano Veloso. Caetano sabe de tudo! No show de Padova ele mesclou as músicas novas do novo CD Abraçaço que são muito rock e ao meu verpouco "orelháveis" às velhas como Triste Baia, Coração Vagabundo, Você não Entende Nada, Nine Out Ten, Tieta realizando um show de ótima qualidade. O cenário era espartano, mas mesmo assim de muito bom gosto. O som não tava perfeito, mas na Itália é quase raro ouvir um show com o som bom, infelizmente!

image

 

La testimonianza di Fabiana Comerro:
 
10152499_1431301640454513_4653529789519717994_n

Fabiana Comerro
Ho assistito al primo concerto di Caetano in questa sua tournée italiana, il 30 aprile a Torino. Per me che amo la MPB ormai da un po' di tempo è stata un'emozione fantastica sentire le sue canzoni dal vivo e vederlo sul palco, le stesse musiche che mi accompagnano nella vita di tutti i giorni e che mi aiutano anche ad imparare il portoghese. Durante la serata, Caetano ha alternato momenti di rock ed elettronica, cantando alcuni brani dal suo ultimo album Abraçaço, a momenti in cui ha proposto i più significativi fra i suoi grandi successi delle epoche passate. A me personalmente è piaciuta di più quest'ultima parte, in particolare i brani dell'epoca tropicalista. Era accompagnato da tre eccellenti musicisti, che hanno contribuito anch'essi a creare un'atmosfera magica. Caetano si è esibito anche in solo con la sua mitica chitarra, eseguendo il suo grande classico "Coraçao Vagabundo". Il concerto si è concluso con uno dei suoi successi più allegri e ballabili, "A luz de Tieta", che ha fatto scatenare il pubblico fra balli e canti. A proposito proprio del pubblico, è importante dire che era composto da molti brasiliani immigrati in Italia, ma anche da tanti italiani che amano questo artista conosciuto in tutto il mondo, e da altri sudamericani di lingua spagnola.

 

Le foto dell’amica Celia Tavares:

1797493_10202069692080777_942725116774145277_n

Celia Tavares

Assisti ao show do Caetano Veloso em 30/04/2014 ao Torino Jazz Festival em Turim, na praça Castello. Havia uma multidao e o show foi espetacular. Gostei muito! Quem nao foi, perdeu. Eis algumas fotos deste evento:

 

image
image image

 

La testimonianza e le foto dell’amica Elisa Graziani:

10356637_10203293260988795_1741129636_n 

Elisa Graziani

Ho assistito al concerto di Torino, io sono umbra e una mia cara amica mi ha ospitato e l'ho anche "costretta" ad accompagnarmi al concerto. E’ stata un'emozione unica indescrivibile, la mia amica mi faceva foto perchè ero quasi in estasi, stare in mezzo a quella piazza con Caetano che cantava circondata da tanti che come me erano felici di stare lì. Il miglior concerto a cui abbia assistito in vita mia.

10396651_10203293297149699_34303161_n 
10356646_10203293299509758_688461540_n  10385191_10203293294429631_2134650611_n

 

Item Reviewed: Il concerto di Caetano Veloso in Italia: l’esperienza di Evelyn, Rosa, Fabiana, Celia e Elisa! Rating: 5 Reviewed By: Gianluigi D'Agostino