Ultimi post
Powered by Blogger.

Storia della letteratura brasiliana

Il primo documento che può definirsi di letteratura brasiliana, risale al 1500. Era una lettera scritta da Pero Vaz de Caminha ed indirizzata al re Manuel I del Portogallo. Per tre secoli la letteratura fu semplicemente  la descrizione di viaggiatori e testi religiosi dei gesuiti.


Romantismo (1836)
Il 1836 rappresenta la nascita del Romantismo, la letteratura brasiliana è giovane ma già cammina sulle proprie gambe. Fu la prima corrente letteraria autonoma dall'Europa. Si caratterizzava per l'esaltazione della bellezza della natura e degli indigeni. Il personaggio più illustre fu Jose de Alencar

Realismo (1895 - 1922)
Il Realismo si propagò nel paese grazie alle opere di Machado de Assis.Machado de Assis fu uno dei più grandi scrittori brasiliani, egli fondò la prestigiosa Academia Brasileira de Letras (l'equivalente della nostra Accademia della Crusca). Il Realismo, essendo un fenomeno mondiale, ebbe caratteristiche differenti a seconda delle zone del Brasile. La Semana de Arte Moderna rappresentò il trampolino di lancio di altri grandi scrittori della corrente. Fu un'occasione di rottura con il passato, il tutto sull'onta della sperimentazione. Quella settimana, A San Paolo, vennero fuori Oswald de AndradeMário de AndradeGuilherme de Almeida e altri.
Nel XX secolo vi furono Clarice Lispector e Guimaraes Rosa che furono definitiromancistas instrumentalistas

 I nostri giorni
Attualmente Paulo Coelho rappresenta uno dei nomi più celebri. Anche Coelho è membro della Academia Brasileira de Letras Nonostante abbia esportato la letteratura brasiliana nel mondo, i critici del Brasile definiscono i suoi libri molto commerciali e nel contempo stesso segnalarono molti errori di grammatica portoghese nelle sue prime opere.
Altri scrittori fanno parte dell'epoca contemporanea ed hanno ricevuto il plauso della critica: Ignácio de Loyola Brandão, Rubem Alves, Moacyr Sciliar, João Ubaldo Ribeiro, Luís Fernando Veríssimo e altri.

La poesia Brasiliana:

Quinhentismo (1500 - 1600)
Era il perido del colonianismo. La poesia era importata e tendenzialmente erano testi di viaggiatori e scritti religiosi dei gesuiti. Era una poesia che si lasciava affascinare dal mondo brasiliano, così nuovo agli occhi dell'epoca. Il poeta maggiore fu Josè de Anchieta. Scrisse più di 4'000 versi sulla sabbia con il proprio bastone. Josè è conosciuto anche per aver fondato San Paolo.

Barroco (1601 - 1768)
Il Barroco fu il primo movimento in Brasile. Il principale poeta fu Gregorio de Matos, Bento Teixeira il precursore. Non pubblicò nulla in vita, le sue opere ci sono pervenute tramite la tradizione orale. La poesia fu caratterizzata da un certo attaccamento agli aspetti metrici. L'oggetto principale della poesia di questo periodo, fu l'esaltazione della figura femminile e dell'amore. La donna fu cantata nella sua bellezza ma, nel contempo stesso, nella sua pericolosità.

Arcadismo (1769 - 1789)
Anche chiamato Escola Miniera, era composto da un gruppo di intellettuali che includeva anche i Cospiratori (Movimento politico per la liberazione dal Portogallo). Cominciò con la pubblicazione di Obras Poeticas di Claudio Manuel da Costa e finì con la impiccagione di Tiradentes che diventò eroe nazionale.
I poeti di questa corrente, scrivevano in decasillabi e in rime. Oltre alle poesie sui paesaggi urbani, abbiamo poesie sui paesaggi naturali minieri, sui frutti della terra, sulla presenza degli indios. Gli scrittori di questa corrente erano famosi anche per la satira politica.

Romantismo (1836 - 1920)
Nel 1836 Gonçalves de Magalhães publicò il libro di poesie "Suspiros poéticos e saudades". Questa pubblicazione e la stampa della rivista “Niterói”, nella quale scrivevano poeti e intellettuali, diedero vita al Romantismo in Brasile.
Con una estetica innovatrice, il Romantismo creò un nuovo linguaggio capace di dar risalto alle idee nazionaliste. Vi furono tre generazioni:
Prima generazione romantica: la poesia indianista, estremamente nazionalista:  Gonçalves de Magalhães e Gonçalves Dias
Seconda generazione romantica: la poesia dell'inquietudine,della malinconia, del lamento e degli amori impossibili: Fagundes Varela, Álvares de Azevedo,  e Junqueira Freire.
Terza generazione romantica: Influenzati da Victor Hugo, i poeti di questa generazione valorizzavano la poesia occupata nelle lotte sociali. Era anche chiamata geração condoreira per aver come simbolo il condor, che vola alto. La poesia, per questi poeti, doveva toccare il cuore delle masse. Esponente di spicco fu Castro Alves che si impegnò nella lotta alla schiavitù.

Modernismo (1922 - 1945)
Era diviso in due fasi:
Prima fase: i poeti sancirono una rottura con il passato. L'intento era creare un'arte nuova con uno spirito nuovo. Si posero in aperta critica con tutto ciò che riguardava tecniche e principi, vi fu una rinnovazione del linguaggio stesso. Gli esponenti maggiori furono: Oswald de AndradeMário de Andrade, Manuel Bandeira, Menotti del Picchia, Raul Bopp, Ronald de Carvalho e Guilherme de Almeida.
Seconda fase: venne caratterizzata dal verso libero e da una poesia che si poneva interrogativi. Abbiamo gli esempi maggiori in:  Carlos Drummond de Andrade con poesie sociali e che riflettono sul ruolo dell'uomo nel mondo; Jorge de Lima con poesie mataforiche e metafisiche; Murilo Mendes con poesie surrealiste; Cecilia Meireles con la sua riflessione filosofica ed esistenziale.

Post-Modernismo
Il passaggio dal Modernismo al Post- Modernismo si ha con il Tropicalismo e con il movimento del Poema- Processo. I tratti del Post-Modernismo, sono evidenziati soprattutto nella poesia marginale. Quest'ultima era composta da giovani che cercavano una libertà nella creazione e nella scelta delle parole, oltre che una libertà dagli editori (la maggiorparte delle poesie erano scritte su foglietti). Tra i tratti marcanti di questo stile, abbiamo: intensificazione del luddismo nelle creazioni letterarie, eclettismo, sviluppo di posizioni antiborghesi . Negli anni 80 l'avvento degli yuppie caratterizzò la poesia con una riscoperta della stessa come mezzo pedagogico. Si stagliarono in questo periodo le figure di Adelia Prado e Manoel de Barros. 

Item Reviewed: Storia della letteratura brasiliana Rating: 5 Reviewed By: Gianluigi D'Agostino