Ultimi post
Powered by Blogger.

Hilda Hilst


Hilda Hilst nacque l'1 aprile del 1930 a Jaù, città dell'interiore paulista; era figlia unica del possidente terriero, giornalista, poeta e saggista Apolônio de Almeida Prado Hilst e di Bedecilda Vaz Cardoso. I genitori si separarono pochi anni dopo la nascita di Hilda e lei passò a vivere con la madre nella città di Santos.

Nel 1937, l'autrice s'immatricolò al collegio di Santa Marcelina, a San Paolo ed ivi studiò per 8 anni. Nel 1945, iniziò il Curso Classico da Escola Mackenzie. Durante questo periodo risiedette nella Alameda Santo, dividendo il proprio appartamento con una governante di nome Marta. 

Nel 1946, decise di visitare il padre nella fattoria di Jaù. Passò solo tre giorni con lui, ma rimase colpita dalla sua pazzia. In Carta Ao Pai scrisse:
"Solo tre notti d'amore, solo tre notti d'amore!? Implorava il padre, sì, il padre, lui non avrebbe mai fatto una cosa come questa, sì, era a Jaù, interiore di San Paolo, un giorno qualunque del 1946, sì, la figlia meravigliosa, tremando con i suoi 16 anni, sì, il padre la confondeva con la madre, la sua mano chiusa sulla sua, sì, il padre la confondeva con la madre, la confondeva, ?!"
Nel 1948, su consiglio della madre, iniziò il corso di studi in Diritto nella Faculdade do Largo do São Francisco. Il periodo degli studi universitari fu vissuto da Hilda con molta dissolutezza fino al 1963, il suo modo di fare creò una serie di scandali nell'alta società paulista: sedusse imprenditori, poeti (come Vinicius de Moraes) e artisti in genere.
Nel 1949, fu scelta tra gli studenti di diritto per salutare la scrittrice Lygia Fagundes Telles, in occasione del lancio del suo libro di racconti O Cacto Vermelho.
Nei due anni successivi, Hilda lanciò i suoi primi due libri Presságio (1950) e Balada de Alzira (1951).
Nel 1952, terminò il corso di Diritto e tre anni dopo pubblicò Balada do Fetival.


Nel 1957, viaggiò in Europa per 7 mesi, si fidanzò con il cantate e attore Dean Martin e, fingendosi giornalista, assediò, senza successo Marlon Brando durante un gala di Hollywood.
Nel 1959, lanciò il libro di poesia Roteiro do Silêncio e Trovas de Muito Amor Para um Amado Senhor.
José Antônio de Almeida Prado, cugino della scrittrice, ispirandosi ai poemi di questo ultimo libro, compose la Cançao Para Soprano e Piano. Oltre al cugino, Hilda vide i propri testi ripresi anche da grandi compositori, quali: Adoniran Barbosa (Quando te achei) e Gilberto Mendes (Trovas).
Nel 1961 uscì O De Fragmentaria e Trovas De Muito Amor Para um Amado Senhor fu ristampato da Massao Ohno.
Un anno dopo, Hilda fu premiata con il Prêmio Pen Club de São Paulo per il libro Sete Cantos do Poeta Para o Anjo. Lo stesso anno, decise di trasferirsi nella Fazenda São José, una fattoria di proprietà della madre distante 11 km da Campinas. Negli anni a venire, si isolò per dedicarsi unicamente alla letteratura. Tale cambiamento fu influenzato dalla lettura di Carta A El Greco dello scrittore greco Nikos Kazantzakis; Hilda difese con forza la tesi dell'autore secondo cui è necessario l'isolamento dal mondo per rendere possibile il conoscimento dell'essere umano.
Nel 1966, passò a vivere nella fattoria Casa do Sol con lo scultore Dante Cesarini. Un anno dopo, scrisse A Possessa e O Rato No Muro e cominciò a dedicarsi al teatro firmando 8 opere teatrali.
Costretta dalla madre, fu ricoverata nello stesso ospedale psichiatrico del padre.

A Casa do Sol
Nel 1969, si sposò con Cesarini e scrisse le opere teatrali O Visitante, Auto da Barca de Camiri, O Novo Sistema e As Aves da Noite. O Visitante e O Rato no Muro furono rappresentate nel Teatro Anchieta a San Paolo, come esame degli alunni della Escola de Arte Dramática, la regia fu curata da Terezinha Aguiar. Sempre nel 1969, uscirono O Verdugo e A Morte do Patriarca. O Verdugo ricevette il Prêmio Anchieta. Il montaggio di  O Rato no Muro (regia di Terezinha Aguiar) fu inscenato al Festival de Teatro de Manizales in Colombia.
Nel 1970, fu lanciata Fluso Floema, la sua prima opera in prosa. Ispirata dagli esperimenti del ricercatore svizzero Friedrich Juergenson raccontati nel libro Telefone Para Alem, Hilda si sarebbe dedicata al paranormale, in particolare alla registrazione delle voci di persone morte. Lo stesso periodo annunciò di aver avvistato dischi volanti sulla propria fattoria. 
Nel 1972, il Grupo de Teatro Núcleo della Universidade Estadual de Londrina rappresentò O Verdugo, con regia di Nitis Jacon A. Moreira.
Nel 1977, fu pubblicato il libro Ficçoe che ricevette il premio della Associação Paulista de Críticos de Arte (APCA), come "Melhor Livro do Ano". Tre anni più tardi, uscirono i libri Poesia (1959/1979), Da Morte. Odes Mínimas e Tu Não Te Moves de Ti. Lo stesso anno, lanciò la sceneggiatura di As Aves da Noite nel Teatro Ruth Escobar, con regia di Antônio do Valle. Si divorziò da Dante Casarini, ma l'ex marito continuò a vivere nella Casa do Sol.
Nel 1982, entrò nel Programa do Artista Residente da Universidade Estadual de Campinas (UNICAMP) e lanciò A Obscena Senhora D. L'anno successivo pubblicò Cantares de Perda e Predileção che ricevette i Premi Jabuti (della Câmara Brasileira do Livro) e Cassiano Ricardo (del Clube de Poesia de São Paulo).
Nel 1984, uscirono Poemas Malditos, Gozosos e Devoto e, due anni dopo, Sobre a Tua Grande Face e Com Meus Olhos de Cão e Outras Novelas. Il 1989, invece, marcò il lancio di Amavisse.
O Caderno Rosa de Lori Lamby fu un'opera che aprì una nuova fase nella vita artistica di Hilda: l'addio alla letteratura seria. La scrittrice giustificò questa scelta affermando che aveva bisogno di vendere più libri e, così, conquistare anche maggiore fama. La decisione creò molto indignazione tra gli amici e la critica: l'editore Caio Graco Prado si rifiutò di pubblicare i suoi lavori e l'artista Wesley Duke Lee la considerò "um lixo" (un rifiuto).
Nel 1992, venne lanciato il libro che causò le maggiori reazioni: Carta de Um Sedutor. O Caderno Roa de Lori Lamby fu tradotto in italiano. Lo stesso anno, pubblicò l'antologia poetica do Desejo e Bufolicas, in realtà fu uno scherzo infantile dell'autrice interpretato dai più come una parodia. In seguito, passò a collaborare con il Correio Popular scrivendo cronache settimanali.
Nel 1994, Contos d'Escárnio & Textos Grotescos venne tradotto in francese; l'anno successivo uscì il volume Cantares do Sem Nome e de Partidas e il Centro de Documentação Alexandre Eulálio della UNICAMP acquistò l'archivio peronale di Hilda.
Nel 1996 uscì Rutilo Nada, un libro che conteneva anche A Obscena Senhora D e Qados, il testo vinse il Prêmio Jabuti nella categoria "Contos".
Un anno dopo, lanciò Estar Sendo. Ter Sido. I poemi dell'autrice furono letti fino in Quebec, insieme alle opere di Safo, Gabriela Mistral e Marguerite Yourcenar, durante il recital Le Féminin Du Feu, in occasione della commemorazione del Dia Internacional da Mulher.
Nel 1998, venne pubblicata l'edizione bilingue (portoghese, francese) del libro Da Morte. Odes Minimas e  Cascos & Carícias: Crônicas Reunidas (1992-1995), un volume di testi pubblicati dal giornale Correio Popular. Hilda, inoltre, ritornò a dedicarsi agli studi sul paranormale: affermò di credere nella comunicazione dei morti con la terra tramite messaggi inviati via fax; espresse anche il desiderio di costruire un centro di studio sull'immortalità.
Nel 1999, grazie  alla collaborazione dello scrittore Yuri V. Santos, venne aperto il sito ufficiale della scrittricehttp://www.angelfire.com/ri/casadosol/hhilst.html.
O Caderno Rosa de Lori Lamby fu portato sul palcoscenico con la regia di Bete Coelho e con l'attrice Iara Jamra nel ruolo di protagonista.
Nel 2000, venne pubblicato Teatro Reunido (volume 1) e fu rappresentato a Brasilia l'adattamento teatrale di Cartas de um Sedutor. Lo stesso anno fu inaugurata la Exposição Hilda Hilst - 70 Anos, evento creato dall'architetto Gisela Magalhães nel SESC Pompéia, a San Paolo.
Un anno dopo, debuttò a Rio de Janeiro l'adattamento teatrale di Cartas de um Sedutor.
Nel 2002 vinse il Prêmio Moinho Santista - 47ª Edição della categoria poesia. Un anno dopo, Hilda fu premiata dalla Associação Paulista de Críticos de Arte (APCA) con il Grande Prêmio da Crítica per la redazione delle sue Obras completas.
Hilda Hilst morì il 04 febbraio del 2004 nella città di Campina (SP).

Fonte: www.releituras.com



I libri di Hilda Hilst sono acquistabili consultando i cataloghi Amazon e La Feltrinelli. I siti propongono i testi in varie lingue, compresa l'originale. Grazie al servizio offerto dalle note aziende, è possibile comprare le pubblicazioni anche ad un prezzo più conveniente:




Opere:

Poesia:
  • Presságio - SP: Revista dos Tribunais, 1950.
  • Balada de Alzira - SP: Edições Alarico, 1951.
  • Balada do festival - RJ: Jornal de Letras, 1955.
  • Roteiro do Silêncio - SP: Anhambi, 1959.
  • Trovas de muito amor para um amado senhor - SP: Anhambi, 1959. SP: Massao Ohno, 1961.
  • Ode Fragmentária - SP: Anhambi, 1961.
  • Sete cantos do poeta para o anjo - SP: Massao Ohno, 1962. (Prêmio PEN Clube de São Paulo)
  • Poesia (1959/1967) - SP: Editora Sal, 1967.
  • Amado Hilst- SP: Editora Sal, 1969.
  • Júbilo, memória, noviciado da paixão - SP: Massao Ohno, 1974.
  • Poesia (1959/1979) - SP: Quíron/INL, 1980.
  • Da Morte. Odes mínimas - SP: Massao Ohno, Roswitha Kempf, 1980.
  • Da Morte. Odes mínimas - SP: Nankin/Montréal: Noroît, 1998. (Edição bilíngüe, francês-português.)
  • Cantares de perda e predileção - SP: Massao Ohno/Lídia Pires e Albuquerque Editores, 1980. (Prêmio Jabuti/Câmara Brasileira do Livro. Prêmio Cassiano Ricardo/Clube de Poesia de São Paulo.)
  • Poemas malditos, gozosos e devotos - SP: Massao Ohno/Ismael Guarnelli Editores, 1984.
  • Sobre a tua grande face - SP: Massao Ohno, 1986.
  • Alcoólicas - SP: Maison de vins, 1990.
  • Amavisse - SP: Massao Ohno, 1989.
  • Bufólicas - SP: Massao Ohno, 1992.
  • Do Desejo - Campinas, Pontes, 1992.
  • Cantares do Sem Nome e de Partidas - SP: Massao Ohno, 1995.
  • Do Amor - SP: Massao Ohno, 1999.

Romanzo:
  • Fluxo - Floema - SP: Perspectiva, 1970.
  • Qadós - SP: Edart, 1973.
  • Ficções - SP: Quíron, 1977. (Prêmio APCA/ Associação Paulista dos Críticos de Arte. Melhor livro do ano.)
  • Tu não te moves de ti - SP: Cultura, 1980.
  • A obscena senhora D - SP: Massao Ohno, 1982.
  • Com meus olhos de cão e outras novelas - SP: Brasiliense, 1986.
  • O Caderno Rosa de Lory Lamby - SP: Massao Ohno, 1990.
  • Contos D'Escárnio / Textos Grotescos - SP: Siciliano, 1990.
  • Cartas de um sedutor - SP: Paulicéia, 1991.
  • Rútilo Nada - Campinas: Pontes, 1993. (Prêmio Jabuti/Câmara Brasileira do Livro.)
  • Estar Sendo Ter Sido - SP: Nankin, 1997.
  • Cascos e Carícias - crônicas reunidas (1992-1995) - SP: Nankin, 1998.

Teatro:
  • A Possessa - 1967.
  • O rato no muro - 1967.
  • O visitante - 1968.
  • Auto da Barca de Camiri - 1968.
  • O novo sistema - 1968.
  • Aves da Noite - 1968.
  • O verdugo - 1969 (Prêmio Anchieta)
  • A morte de patriarca - 1969

Item Reviewed: Hilda Hilst Rating: 5 Reviewed By: Gianluigi D'Agostino